Associazione Musicale Laborintus Sassari

L’Associazione Musicale Laborintus, nata nel 1987, ha spesso orientato le sue scelte artistiche verso l’interazione di musica e altre forme d’arte cercando il coinvolgimento del pubblico con scelte artistiche evocative e talvolta provocatorie e con l'uso attento degli spazi, anche inusuali (p.e. la sala macello del mattatoio per lo spettacolo Quatuor pour la fin du temps su musiche di Messiaen; Carillon metronomique, con il pubblico libero di muoversi per le varie sale di un teatro dove ad ogni luogo corrisponde un evento musicale diverso; lo spettacolo In taberna, basato su musiche conviviali, eseguito con pubblico ed esecutori seduti a tavola) e con produzioni come Carmina Burana, concerto itinerante di musicisti e attori sugli antichi canti medievali e I voli di Icaro, performances di arti visive, danza, poesia e musica. Nello stesso genere di realizzazioni si possono inserire tutti gli spettacoli di letteratura e musica che fanno parte da anni della rassegna Leggendo Liberi: Tangomarea; Storie di Leo; Strani Frutti; Håftling 174517; E sulle le case il cielo; Storie di vite.

LEGGI TUTTO

 

 

fotolhasa150vite 







 

 

 

 

 

UN CONCETTO, UN'IDEA

Sassari, Il Vecchio Mulino ore 20

28 ottobre 2017 

 

 

Il quartetto, oltre che da Phil è composto da Alessandro Di Liberto al pianoforte, Massimo Carboni al sax tenore e Nicola Cossu al contrabbasso. 

L'incontro tra questi musicisti è casuale, Phil si trova infatti in Sardegna per svolgere una masterclass e grazie ad alcuni amici musicisti in comune si mette in contatto con A. Di Liberto. La loro frequentazione porta alla nascita di un quartetto dove l'obiettivo primario è quello di sperimentare in senso ritmico, con grande attenzione per le ritmiche Africane e latine, di cui Phil è un profondo conoscitore. Si decide così di ricorrere ad altri due musicisti di grande esperienza che possano interpretare al meglio l'idea sopra esposta. La scelta ricade sul sassofonista Massimo Carboni, "pilastro" dell'Orchestra Jazz della Sardegna che vanta un gran numero di collaborazioni con i più grandi protagonisti della scena jazz internazionale e Nicola Cossu, bassista versatile con grande esperienza di musica Jazz e cubana alle spalle.

 

 


foto da spettacoli

La Buona Novella: Il sogno di Maria

La Buona Novella: il testamento di Tito